B

Blog

Il blog dell'Hotel Properzio di Assisi

27 Maggio 2015

Tour di Assisi

basilicaWEBCi sembra d’obbligo cominciare il nostro tour dalla magnifica Basilica di San Francesco, costruita nell’XIII secolo e composta da due parti talmente diverse da essere complementari, la Chiesa Inferiore e la Chiesa Superiore.
Varcate le belle porte di quercia scolpite da Niccolò da Gubbio ed entrate nella Chiesa Inferiore; proseguendo in fondo alla navata potrete ammirare la cappella di Santa Caterina, costruita dal famoso cardinale Albornoz, che vi è sepolto. Ammirate le meravigliose cappelle laterali dipinte da artisti del calibro di Giovanni da Cosma e Taddeo Gaddi, così come la volta della navata che è una vera e propria opera d’arte con affreschi ad opera di diversi artisti tra cui Simone Martini, Giotto e la sua scuola.

In fondo alla navata ecco l’altare maggiore, eretto in corrispondenza della tomba di San Francesco, sopra il quale troneggiano quattro grandi affreschi in cui Giotto ha glorificato le tre virtù fondamentali della Regola francescana: Povertà, Obbedienza e Castità.
Dalla Chiesa Inferiore si può scendere alla cripta nella quale riposa la salma del Santo.
Questo sotterraneo è stato ricavato interamente lasciando intatto il masso calcareo che conteneva il sarcofago del Santo!

Fermatevi ora a guardare la Chiesa Superiore, con la sua famosa facciata gotica lineare e raffinata al cui centro troneggia un bellissimo rosone. Una volta entrati verrete stregati dalla luce che filtra attraverso le artistiche vetrate, in contrasto con la Chiesa Inferiore nella quale la luce è notevolmente minore. La parte superiore è ricoperta di affreschi che narrano del Vecchio e Nuovo testamento, la cui attribuzione è ancora incerta dopo la tesi che voleva affidare la paternità a Giotto e a Cimabue. Le pareti inferiori sono invece opera di Giotto e della sua scuola. Questo è il ciclo pittorico più importante ed interessante dell’iconografia francescana.

Fra i 28 meravigliosi affreschi di Giotto che narrano la vita di San Francesco nella Basilica di Assisi, ce n`è uno in cui si vede il Santo che appare ai suoi compagni su un carro di fuoco, una visione che i frati ebbero un giorno nella Chiesa di San Rufino, mentre San Francesco era intento a pregare.
Proseguendo per Via San Francesco raggiungerete la medievale Piazza del Comune attorno a cui spicca il Tempio di Minerva, risalente al I secolo a.C., un vero gioiello d’arte antica.

Per percorrere le orme del Santo, uscite dalla piazza e scendete subito a destra vi trovate davanti alla Chiesa Nuova, realizzata nel ‘600 sulla casa natale di S. Francesco. Costeggiando la chiesa si arriva all’Oratorio di S. Francesco Piccolino, nel quale secondo la leggenda nacque il Santo.
Percorso Corso Mazzini vi trovate in Piazza S. Chiara, dominata dall’omonima Basilica. All’interno della Basilica di S. Chiara, potete ammirare i resti della Santa e il bellissimo crocifisso ligneo che, sempre secondo la leggenda, parlò a S. Francesco.

I trovatori provenzali si diffusero in tutta Europa e scesero anche ad Assisi. Da essi Francesco imparò l`arte del poetare, facilitato dal fatto di conoscere la lingua francese da sua madre, avendo egli stesso origini provenzali.

Non dimenticate di visitare la Cattedrale di S. Rufino, vescovo, martire e patrono di Assisi. L’interno della chiesa, cinquecentesco, custodisce una cisterna romana, la fonte battesimale al quale furono battezzati Francesco e Chiara, e la meravigliosa cripta della Basilica Ugoniana che risale al XII secolo.

Andate alla scoperta dei luoghi più umili legati a San Francesco, ovvero l’Eremo delle Carceri e La Porziuncola a S. Maria Degli Angeli. Un’idea originale su cosa fare a Assisi è il giro delle mura medievali ed il varco delle relative porte che sono ben 7, e non dimenticate di scattare una foto da cartolina dalla Rocca Maggiore!

Non ripartite senza aver gustato almeno alcune specialità Assisane

  • pecorino
  • ciauscolo, salame spalmabile costituito da un impasto di carne di maiale
  • umbricelli, (chiamati dialettalmente umbrichi, umbrichelli o umbrichelle), grossi spaghetti fatti a mano, al tartufo o alla norcina
  • strangozzi, pasta senza uova con sezione abbastanza spessa, al tartufo o altro
  • rocciata, dolce di origine medievale tipico di Assisi, ripieno di mele, nocciole, noci e uvetta

Per godere del migliore panorama di Assisi raggiungete la Rocca Maggiore da cui avrete una vista stupenda sulla città intera e su parte della vallata

Tappe dentro Assisi
  • la Basilica Superiore di San Francesco
  • la Basilica inferiore di San Francesco
  • il Bosco di San Francesco (ingresso a fianco della Basilica Superiore)
  • San Pietro
  • Piazza del Vescovado
  • Santo Stefano
  • Via San Francesco
  • Piazza del Comune
  • S.M. sopra Minerva
  • Chiesa Nuova
  • Santa Maria Maggiore
  • Basilica di Santa Chiara
  • Duomo di San Rufino
  • Foro Romano
  • la Rocca Maggiore
  • la Rocca Minore
Tappe esterne Assisi
  • il convento di San Damiano
  • eremo delle Carceri
  • Santa Maria degli Angeli
  • Santa Maria di Rivotorto

L’ itinerario proposto, si completa in circa 3 giorni “molto intensi”.

Per chi ci chiede cosa vedere in un giorno, raccomandiamo:
  • la Basilica Superiore di San Francesco
  • la Basilica inferiore di San Francesco
  • Basilica di Santa Chiara
  • il convento di San Damiano
  • Eremo delle Carceri
  • Santa Maria degli Angeli
Per chi ci chiede, cosa “vedere” in solo mezza giornata, raccomandiamo:
  • la Basilica Superiore di San Francesco
  • la Basilica inferiore di San Francesco
  • Basilica di Santa Chiara
Quando si ha a disposizione poco tempo e si vuole ottimizzare la visita di Assisi, raccomandiamo:
  • nel tempo di fermata, scegliere le tappe nel centro storico in ordine di importanza, poi in fase di partenza con l’ auto:
    • Eremo delle Carceri
    • Il convento di San Damiano
    • Santa Maria degli Angeli
    • Santa Maria di Rivotorto
    • Spello (Borgo medievale a pochi chilometri)
  • Poi in base alla direzione di destinazione, troviamo lungo le strade di raccordo:
    • Direzione Cesena
      • Gubbio
      • Città di Castello
    • Direzione Roma
      • Deruta
      • Todi
    • Direzione Firenze
      • Perugia
      • Passignano sul Trasimeno
      • Castiglione del Lago
      • andando un po’ fuori strada si può vedere la bellissima “Cortona”
    • Direzione Marche
      • Trevi
      • Montefalco
      • Spoleto

L’ Hotel Properzio Vi augura un buon viaggio con la speranza che le nostre indicazioni, Vi siano state utili al fine di garantirVi un buon ricordo di Assisi e della verde Umbria.

 

© 2015 Hotel Properzio Assisi - P.IVA / C.F. 03311860542 | Credits

PRENOTA ORA